You are here
Mostre Mercato Primo piano 

“Antiqua” a Genova dal 20 al 28 gennaio 2018

Un’esperienza a 360° nel mondo dell’alto antiquariato e del patrimonio culturale della città

Grazie a una rete di importanti collaborazioni l’edizione 2018 di Antiqua si prefigura come un crogiolo di eventi particolarmente significativi che vanno ben oltre la già rinomata esposizione di alto antiquariato che da anni arricchisce l’offerta culturale della città.
Si consolida il percorso di collaborazione con importanti realtà museali e l’alta formazione, per approfondire la conoscenza del patrimonio cittadino a tuttotondo e scoprirne i tesori nascosti.

 

Gli obiettivi di “Antiqua”

Conto alla rovescia per l’apertura della 28ª edizione di Antiqua, in programma nel padiglione Jean Nouvel del quartiere fieristico dal 20 al 28 gennaio. Per la prima volta la manifestazione viene organizzata direttamente da Fiera di Genova.
I contenuti della manifestazione sono stati illustrati dal responsabile commerciale della Fiera, Rino Surace, alla conferenza stampa tenutasi presso Palazzo Senarega, sede del Politecnico delle Arti, nuova realtà formata dall’Accademia Ligustica di Belle Arti e il Conservatorio Niccolò Paganini.
Molte e sostanziali le novità del programma articolato su nove giorni, il cui obiettivo è posizionare la manifestazione nei primi posti tra gli eventi del settore in Italia e colmare la distanza tra il mondo dell’antiquariato, nella sua accezione commerciale, e il mondo dell’arte, della cultura, della ricerca, lavorando in rete con una pluralità di soggetti al fine del complessivo sviluppo turistico del territorio.

 

 

Alto antiquariato, tesori nascosti e formazione

L’obiettivo di stimolare la conoscenza e l’apprezzamento dell’antiquariato come settore di eccellenza del patrimonio artistico italiano, porta ad Antiqua la qualità di arredi, dipinti, gioielli, tappeti e oggetti da collezione, assicurata dalla partecipazione dei migliori antiquari liguri e italiani e messa in evidenza dalla Commissione degli esperti della quale faranno parte anche il curatore del Museo dell’Accademia Ligustica Giulio Sommariva, il direttore del Museo di Palazzo Reale Serena Bertolucci e la storica dell’arte Paola Costa Calcagno, che sceglieranno e segnaleranno unicità e particolarità presenti in mostra.
La promozione dei tesori della città di Genova si evidenzierà attraverso l’importante partnership con Banca Carige che, ottenuto il benestare della Soprintendenza dei Beni Artistici e Paesaggistici della Liguria, esporrà ad Antiqua quattro tele della scuola ligure del ’600: “Transito di San Giuseppe” e “San Giuseppe confortato da un angelo musico” di Gioacchino Assereto, l’“Ecce homo” di Giacomo De Ferrari e l’ “Ecce homo” di Valerio Castello. Inoltre, della stessa Banca, si potrà poi ammirare una selezione della preziosa collezione numismatica di monete coniate dalla Zecca della Repubblica di Genova nell’arco dei sette secoli della sua esistenza, a partire dal 1139.

 

Al fascino della manifestazione contribuirà la Veteran Car Club Ligure che arricchisce il raffinato allestimento di Antiqua con alcune rare auto d’epoca, scelte tra gli esemplari più apprezzati e attesi dagli appassionati, mentre si occuperà del collegamento col mondo dell’alta formazione il Politecnico delle Arti con didattica dal vivo e un programma di lezioni e concerti con richiami al mondo dell’automobile e della velocità.

 

“Antiqua”, Genova. Un’immagine dalle passate edizioni

 

“I tè delle cinque”. Dialogo con gli esperti

Indirizzati a un pubblico di intenditori e curiosi dell’arte, “I tè delle cinque” aprono una nuova strada nel rapporto tra la mostra antiquaria genovese e il mondo a cui si rivolge, grazie a un calendario di incontri “ravvicinati” con eminenti studiosi, seguiti, come in un colto salotto, dalle degustazioni dolciarie presentate da Poldo Ricevimenti. Gli autorevoli esperti illustreranno diversi argomenti: dal tema del jeans nell’arte ligure, alle realizzazioni dell’architetto e scenografo Michele Canzio, dagli approfondimenti sulla mostra del pittore ligure Rubaldo Merello a Palazzo Ducale a quelli sulla Lanterna genovese, cui è dedicata l’esposizione a Palazzo Reale, entrambe visibili fino al 4 febbraio. Ed ancora, si parlerà dell’importanza della diagnostica nei beni culturali, dalle tecniche di datazione alla possibilità di verificare l’area di provenienza e l’autenticità delle opere d’arte.
Tra i relatori de “I tè delle cinque” il direttore di Palazzo Reale Simona Bertolucci, il conservatore del Museo Dell’Accademia Ligustica Giulio Sommariva, il curatore della Wolfsoniana Gianni Franzone, la storica dell’arte Andreana Serra Curatore Collezione Topografica e Cartografica del Comune di Genova e la restauratrice Michela Fasce.

Particolare di un dipinto di Rubaldo Merello in mostra al Palazzo Ducale di Genova

 

Ingressi scontati col biglietto di “Antiqua”

Grazie alla rete creata con le più importanti istituzioni culturali cittadine, presentando il biglietto d’ingresso ad Antiqua i visitatori potranno godere di uno sconto presso il Museo di Palazzo Reale, il Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti e i Musei Civici.
A Villa Durazzo Pallavicini, recentemente insignita del titolo di Parco più bello d’Italia nella categoria parchi pubblici, i visitatori della mostra antiquaria potranno usufruire della tariffa riservata ai residenti, nei due fine settimana 20-21 e 27-28 gennaio.
In accordo con il Comune, Villa Durazzo Pallavicini e Fiera di Genova intraprenderanno il percorso autorizzativo per portare ad Antiqua i cuscini di maiolica dipinta del lago grande della Villa, modellati con la forma di tre cuscini sovrapposti e decorati da un ricco repertorio di motivi vegetali, fiori, scene mitologiche o di paesaggio creati con una straordinaria policromia, fatti realizzare dal marchese Ignazio Alessandro Pallavicini.
Allo studio iniziative, anche musicali in sinergia con il Conservatorio, legate al tema del giardino.

 

Il Parco di Villa Durazzo Pallavicini, Genova Pegli, opera dell’architetto Michele Canzio

Schefa informatica
ANTIQUA
da sabato 20 a domenica 28 gennaio 2018
Fiera di Genova, Quartiere fieristico zona Foce, Piazzale JF Kennedy, 1
Orario: da lunedì a venerdì, 14-20; nei fine settimana,10-20
Ingresso: 12 euro; 8 euro il ridotto.
Convenzioni sono state stipulate con i possessori di Carta Più e Carta MultiPiù Feltrinelli, con i soci del Touring Club Italiano, degli Amici dell’Accademia Ligustica e della Coop.
Info dettagliate e aggiornamenti su: www.antiquagenova.it

Related posts