You are here
Arte & Mercato Rubriche 

Firenze “Artigianato e Palazzo” XXIV edizione. La Manifattura Richard-Ginori protagonista della “Mostra Principe” 2018

La prestigiosa manifestazione fiorentina alla sua ventiquattresima edizione, dedica l’esposizione di punta all’antica fabbrica di porcellane e si fa promotrice della raccolta fondi per la riapertura del Museo di Doccia, recentemente acquisito dal MiBACT

Presso il Giardino Corsini di Firenze, dal 17 al 20 maggio 2018 va in scena “Artigianato e Palazzo”, evento espositivo promozionale che da molti anni dà risalto alla grande tradizione del fatto a mano, dalle origini alla contemporaneità.
«Le molte centinaia di richieste di partecipazione che ci sono giunte quest’anno rappresentano un ottimo segnale di ripresa del settore dell’artigianato, perché sono proprio le botteghe il cuore pulsante del Made in Italy» dichiarano Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani ideatori e organizzatori dell’evento.

 

 

A partecipare ai quattro giorni di mostra nelle Limonaie, lungo i viali del Giardino monumentale e nel nuovo spazio dell’Orto delle Monache di Palazzo Corsini, saranno 100 artigiani dei mestieri che tradizionalmente appartengono al nostro Paese, realtà che si tramandano l’arte del lavoro manuale di padre in figlio ma anche aziende giovani e artigiani stranieri come la designer statunitense Laura Fair, specializzata nella serigrafia manuale su tessuti e carta.

 

 

Rappresentanti delle più antiche lavorazioni artigianali ma anche espressioni delle ultime novità nel design in ogni settore coinvolgeranno il pubblico con dimostrazioni del loro saper fare: dall’intarsio delle pietre dure all’arte del bronzo, della ceramica, della porcellana; dalla lavorazione della scagliola o del cuoio alla molatura del vetro; dalla decorazione alla profumeria, dall’oreficeria alla manifattura di scarpe e accessori su misura.
Contest e altre iniziative collaterali di spessore daranno vivacità ulteriore alle giornate di manifestazione. Saranno assegnati anche il “Premio Perseo – Banca CR Firenze” all’espositore più apprezzato dal pubblico e il “Premio del Comitato Promotore” per lo stand giudicato più bello dal Comitato Promotore Internazionale.

 

 

La “Mostra Principe”

Tra le principali iniziative che si svolgono durante i 4 giorni di “Artigianato e Palazzo”, molto apprezzata dal pubblico è quella denominata “Mostra Principe”, evento dedicato al percorso creativo di un importante brand che ha fatto dell’alto artigianato la chiave del suo successo internazionale.
La tradizionale mostra, che in passato ha visto partecipare aziende quali: Gucci, Bulgari, Vacheron Constantin, Fabriano, Il Bisonte, Roberto Capucci, Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, Loretta Caponi, quest’anno presenta l’importante marchio storico italiano Richard-Ginori, evidenziando i vari momenti del processo creativo attraverso i quali, sin dal 1735, la manifattura realizza opere uniche in porcellana.
Per la prima volta sarà possibile ammirare fuori dalla fabbrica i maestri della Manifattura specializzati nelle varie lavorazioni: dalla colatura della barbottina fino alla decorazione, testimonianza di un sapere che si tramanda ininterrottamente dagli operai più esperti alle giovani leve.

 

Interno del Museo Richard-Ginori della Manifattura di Doccia, Sesto Fiorentino (credits Museo di Doccia-Arrigo Coppitz)

 

Tra i capolavori visibili nel percorso espositivo: una rarissima raccolta di sculture in cera, calchi di opere dei maggiori maestri fiorentini del Settecento; la Venere de’ Medici, l’Arrotino e l’Amore e Psiche in porcellana bianca, repliche in scala al vero dei celebri marmi degli Uffizi; le eclettiche maioliche per le Esposizioni Universali; le ceramiche Art Déco di Gio Ponti, direttore artistico di Richard-Ginori dal 1923 al 1930, maestro nel valorizzare le più raffinate tecniche tradizionali in uso a Doccia con forme e decori autenticamente moderni.

 

 

La raccolta fondi pro Museo di Doccia

Sempre alla Richard-Ginori è legata l’importante iniziativa di raccolta fondi “Artigianato a Palazzo per il Museo di Doccia”, lanciata da Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani a sostegno della sua riapertura: «Nel nostro piccolo vogliamo contribuire a tenere alta l’attenzione perché il Museo di Doccia venga presto riaperto per ricordare al mondo da dove ha inizio il Made in Italy e affinché una collezione di valore inestimabile, come quella in esso contenuta, torni a essere fruibile al grande pubblico», dichiarano i due organizzatori.
Sono 8.000 le opere in porcellana, ceramica, maiolica, terracotta, piombo, conservate nel malandato Museo di Sesto Fiorentino, oltre a 13.000 tra disegni, lastre di metallo incise, pietre cromolitografiche, modelli in gesso, sculture in cera.
La speranza è che la futura rinascita del Museo Richard-Ginori della Manifattura di Doccia faccia da apripista al rilancio del valore storico e artistico del manufatto italiano.

 

Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani, ideatori e organizzatori della manifestazione “Artigianato e Palazzo” (foto Dario Garofalo)

 

Come si sa, il Museo della Richard-Ginori custodisce tre secoli di storia del gusto e del collezionismo, rappresentando un unicum a livello internazionale grazie alla continuità storica e alla ricchezza del suo patrimonio.
Nel maggio del 2014 l’edificio è stato chiuso al pubblico a seguito del fallimento (2012) della precedente proprietà della Richard-Ginori 1735 s.p.a detentrice del 100% dell’immobile e della collezione museale; dal 2012, al vincolo di notifica della raccolta, già esistente, è stato affiancato il vincolo pertinenziale che lega la collezione all’edificio di Sesto Fiorentino.

 

La facciata del Museo Richard-Ginori della Manifattura di Doccia, Sesto Fiorentino (credits Amici di Doccia-Arrigo Coppitz)

 

Nel 2013 la società Kering ha acquisito il ramo produttivo dell’azienda e il marchio Richard-Ginori mentre il Museo è rimasto nelle mani della curatela fallimentare. Dopo due gare d’asta andate deserte, il 30 marzo 2017, in occasione del G7 della Cultura di Firenze, il Ministro Dario Franceschini ha annunciato l’intenzione del MiBACT di comprare il Museo.
Tra novembre e dicembre 2017 le collezioni del Museo di Doccia e l’edificio sono stati ufficialmente acquistati dallo Stato, e il CIPE (Comitato Interministeriale Programmazione Economica) ha stanziato 1,9 milioni di euro per gli interventi più urgenti di ristrutturazione.
Una volta completato il restauro, il MiBACT affiderà la gestione del Museo a una fondazione mista pubblico-privata in via di costituzione.

La raccolta fondi avverrà attraverso una serie di azioni che vedranno coinvolti organizzatori, pubblico e aziende sostenitrici di “Artigianato e Palazzo 2018”; il ricavato sarà interamente donato alla “Amici di Doccia” – associazione culturale senza fini di lucro nata nel 2003 dal desiderio di approfondire e promuovere la ricerca sull’antica Manifattura – che, a sua volta, lo destinerà per intero a favore della riapertura del Museo.
Nello specifico saranno devoluti: gli incassi provenienti dagli ingressi e dalle vendite del Pop Up shop di Richard-Ginori dove si potranno acquistare le porcellane della celebre collezione “Bianco”; le donazioni che già dal 3 aprile si possono fare presso i Box Office presenti nei 35 punti vendita Unicoop Firenze in Toscana (ricevendo in cambio un attestato per visitare la Mostra), e quanto raccolto attraverso il dispositivo “Donachiaro” progettato da Itineris Italia e allestito nel Giardino Corsini nei giorni della manifestazione.

 

 

Inoltre, sempre al Museo di Doccia andrà il ricavato delle vendita delle 20 opere che il designer fiorentino Duccio Maria Gambi ha creato in occasione di questo evento: «Mi affascina la possibilità che ho di poter parlare di una materia così lontana dalla mia, attraverso il mio linguaggio. C’è anche in questo progetto qualcosa che mi lega e mi riporta all’infanzia, quando, abitando sulle colline sopra Doccia, Richard- Ginori era parte integrante del mio micromondo di bambino», ha dichiarato il designer.

Locandina “Artigianato e Palazzo” XXIV edizione 2018

In copertina: Firenze, Giardino Corsini, viale centrale durante la manifestazione “Artigianato e Palazzo”, scorsa edizione


“Artigianato e Palazzo” XXIV edizione
Firenze – Giardino Corsini, Via della Scala 115
17-18-19-20 maggio 2018
Orario: 10-20
Ingresso: € 8,00 euro; 12/18 anni € 6,00 (gratuito per i più piccoli)
www.artigianatoepalazzo.it

Related posts