You are here
Fiere & Mercatini News Eventi 

“7.8.Novecento” Modena 30 novembre-1-2 dicembre 2018. Mostra collaterale: “Rigoletto” in oltre 200 cimeli storici

15.000 mq dedicati all’antiquariato: due padiglioni pronti ad accogliere un parterre di quasi 300 espositori italiani e stranieri con i loro oggetti d’altri tempi, rari e preziosi. Dal 30 novembre al 2 dicembre ModenaFiere ospita la trentaduesima edizione del Gran Mercato dell’Antico. Spazio anche al vintage: tra gli stand rivivono capi unici che hanno fatto epoca, simboli dello stile di un tempo. 7.8.Novecento è uno degli appuntamenti più importanti – e più longevi – del settore a livello nazionale.

Ne basta uno solo per arredare una casa intera. Il pezzo raro, introvabile, il monile proveniente da epoche lontane, oppure l’oggetto pop da collezionare e custodire con gelosia. Per chi è a caccia del mobile o del complemento d’antiquariato e modernariato, l’appuntamento è a 7.8.Novecento, il Gran Mercato dell’Antico che da oltre 30 anni richiama visitatori, appassionati ed estimatori del passato.

 

 

Con 15.000 mq di esposizione articolati su due padiglioni della fiera e nel grande atrio centrale, la manifestazione accoglie quasi 300 antiquari italiani e stranieri. Qui, sontuosi mobili vittoriani, statue antiche, troumeau settecenteschi, gioielli d’altri tempi, convivono con il modernariato più pop. Un format volutamente eclettico per un pubblico che apprezza la pluralità di proposte per tutte le tasche. Grazie alla formula espositiva, che prevede anche momenti dedicati allo scambio tra espositori e commercianti, la manifestazione è diventata un punto di riferimento sia per gli operatori del settore che per i neofiti.
Tra gli stand spiccano le nuove tendenze dell’antico: i giovani che arredano la prima casa sono molto interessati al modernariato, in particolare agli arredi che vanno dagli anni Sessanta agli anni Ottanta; o allo shabby chic, uno stile che propone mobili antichi (o fintamente antichi) ridipinti di chiaro e “rovinati” ad arte.
Ma non è finita: per chi cerca capi e accessori con un passato da raccontare tra gli stand si trovano abiti firmati, ma anche accessori e capi di abbigliamento sartoriali di pregio non griffati: tutti, però, rigorosamente vintage. 7.8.Novecento, infatti, racconta anche il periodo che va dagli anni ’20 agli anni ’80, con la moda, gli articoli da collezionismo, i profumi, gli arredi, ma anche gli oggetti d’uso quotidiano in quei decenni.


 

Mostra collaterale

“Rigoletto” in oltre 200 cimeli storici in mostra a 7.8.Novecento

È il capolavoro della lirica italiana e Giuseppe Verdi la definiva “la sua opera più bella”: a Modena, dal 30 novembre al 2 dicembre, 7.8.Novecento propone un’esposizione interamente dedicata al “Rigoletto”, dalla prima alla Fenice di Venezia nel 1851 a oggi. In mostra gli spartiti storici, i costumi di scena, locandine e programmi teatrali. Un focus della mostra è dedicato ai grandi interpreti: Enrico Caruso, Titta Ruffo, Maria Callas, Luciano Pavarotti. L’esposizione, a cura di Studio Archeo900, propone oltre 200 cimeli, selezionati tra 600 pezzi del collezionista mantovano Nicola Zanella, che ripercorrono la storia di quest’opera verdiana, ma anche dell’intera lirica italiana.

 

 

NOTA: “Rigoletto” è un’opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, tratta dal dramma di Victor Hugo “Le Roi s’amuse” (“Il re si diverte”). Con “Il trovatore” (1853) e “La traviata” (1853) forma la cosiddetta ‘trilogia popolare’ di Verdi. La storica prima di “Rigoletto” avviene nel 1851 al Teatro La Fenice di Venezia e approda alla Scala solo due anni dopo. È Francesco Maria Piave a trasporre nel libretto il dramma firmato da Victor Hugo che, al suo debutto, sembra segnato da una sorte avversa: non solo non è accolto con favore dalla critica e tantomeno dal pubblico, ma incorre anche nella censura e torna sulle scene solo dopo mezzo secolo. Le descrizioni del libertinaggio di Francesco I e della dissoluta della corte francese, non colpiscono nel segno. Anni dopo, Verdi e Piave portano l’azione dalla Francia a Mantova e anche il titolo viene modificato: è lo stesso librettista a suggerire l’idea migliore, traducendo il nome originale del personaggio di Hugo da Triboulet a Triboletto, per arrivare poi al nome universalmente noto di Rigoletto.


7.8.Novecento
ModenaFiere, viale Virgilio 70
30 novembre-1-2 dicembre 2018
giovedì 29 novembre: giornata professionale con il deballage riservato agli operatori (dalle ore 8 alle 18)
Orario: 10-19
Info. ModenaFiere tel. 059.848380 – info@7-8novecento.itwww.7-8novecento.it
(7.8.Novecento è organizzato da ModenaFiere in collaborazione con l’Associazione Antiquari Modenesi)

Related posts