You are here
Fiere & Mercatini News Eventi 

“26° Mercanteinfiera primavera” Fiere di Parma, dal 12 al 20 marzo 2022

La notissima manifestazione fieristica ripartita lo scorso autunno con risultati confortanti dopo il picco pandemico, torna come di routine agli inizi di marzo a conferma del proprio prestigio e della resilienza di tutti gli eventi espositivi legati al mondo delle arti decorative nel nostro Paese.

Nei 40 mila mq di superficie espositiva tornano le proposte dei venditori tradizionalmente legati alla manifestazione insieme a quelle dei nuovi espositori attirati dalla rilevanza dell’evento in ambito più che nazionale.
La vasta gamma dell’offerta darà l’opportunità di spaziare nella Storia dell’Arte dal ‘600 fino ai nostri giorni: dall’alto e medio antiquariato al collezionismo e al vintage di ogni genere con orologeria, abbigliamento e l’importante design arredativo grazie alla presenza di nomi quali Gio Ponti, Colombo, Fornasetti Arne Jacobsen, Gio Vanetti o Gaetano Pesce.


Le mostre collaterali

Come da tradizione, il Mercanteinfiera offre anche approfondimenti sulle arti applicate attraverso mostre collaterali.
Scelte per questa edizione primaverile, due tematiche che parlano del ‘900 italiano in cerca di benessere e innovazione: da una parte gli italiani che partono per cercare in terra straniera una vita migliore, dall’altra un imprenditore illuminato che vuole essere competitivo ma anche modello di impresa che guarda al sociale.
“A guidarmi nella scelta delle mostre due obiettivi diversi – afferma Ilaria Dazzi Exhibition Director di Mercanteinfiera – da un lato contribuire ad un comune senso di memoria civile perché le storie delle migrazioni di ieri sono in fondo le stesse che vediamo oggi, stesse paure, stesse speranze e stessi sentimenti, dall’altro accendere un faro su un genio del design, e non solo, di cui non si parla mai abbastanza, che ha saputo innovare l’industria italiana. Mercanteinfiera, senza abdicare alla sua vocazione al business, vuole essere da tempo un luogo dove allenare creatività, fantasia ma anche la riflessione. Accogliamo appassionati dell’arte ma ci impegniamo affinché a varcare i cancelli di uscita siano cittadini più consapevoli”.

“Partivano i bastimenti. Home sweet home America” è il titolo della prima collaterale

A inizio secolo si imbarcavano verso il Nuovo Mondo oltre 14 milioni di italiani. La mostra, curata da Massimo Cutò, giornalista e collezionista, racconta il viaggio dei migranti italiani che ai primi del ‘900 partivano in nave per l’America con le grandi compagnie: Navigazione generale italiana, Lloyd Italiano, Fabre Line, solo per citarne alcune.
Diverse le testimonianze visive: si va dai poster illustrativi delle eleganti navi – spediti mensilmente alle curie e agli uffici comunali per pubblicizzare le nuove rotte – alle réclame dei prodotti italiani già simbolo di un pionieristico “Made in Italy”; dalle suggestive foto di famiglia incorniciate tra le due bandiere a suggello dell’integrazione nel Nuovo Mondo, allo sgabello da “sciuscià”, l’umile lustrascarpe, un mestiere cui erano destinati molti italiani “macaroni” – come venivano denominati i nostri emigranti. Ed ancora altri simboli rievocano il periodo tra i quali: le coccarde, le temutissime schede sanitarie di Ellis Island che concedevano o negavano la possibilità di accedere alla terra ferma e le musiche malinconiche per una patria ormai lontana.

 

 

Olivetti #StoriadiInnovazione”

La seconda collaterale di Mercanteinfiera 26° edizione parla di un sogno, quello di Adriano Olivetti, il grande imprenditore di Ivrea che a metà del ‘900 ideò un modello economico-industriale fondato sulla solidarietà, la responsabilità, la giustizia e l’umanità in fabbrica.
La mostra, realizzata in collaborazione con l’Associazione Archivio Storico Olivetti di Ivrea, presenta un percorso distinto in tre tappe – macchine da scrivere, macchine da calcolo, pc stampanti e registratori di cassa – che vuole essere una riflessione sul concetto di design secondo Adriano Olivetti: non tanto una cipria da mettere sopra il prodotto per vendere di più, quanto una metafora di responsabilità verso l’ambiente, la gente, verso il destino del prodotto e della società.
In esposizione si potranno così trovare i modelli M40 e Lettera 22, la macchina da scrivere portatile che ha conquistato grandi giornalisti e scrittori da Indro Montanelli a Oriana Fallaci, da Enzo Biagi a Ernest Hemingway. E poi la Olivetti Valentine nata nel 1968 dal progetto di Ettore Sottsass e Perry A. King, le macchine da calcolo Divisumma 24 e 18, Summa 19 e Programma 101 il calcolatore da tavolo indicato da una parte della storiografia informatica quale primo vero personal computer della storia.

 

 


Mercanteinfiera Primavera 2022
Fiere di Parma, viale delle Esposizioni 393/a
dal 12 al 20 marzo 2022
Orario: 10-19
Ingresso: Euro 12 (intero); Euro 8 (ridotto architetti con tesserino)
www.mercanteinfiera.it

Related posts