You are here
Fiere & Mercatini Primo piano 

“Militaria” Roma 17-18 settembre 2022

È in programma a Roma, il 17 e 18 settembre, “Militaria”, l’attesa mostra-scambio dedicata agli amanti del collezionismo storico-militare.

Ospitata presso una nuova sede, “Militaria” si svolge su un’area espositiva di 450 mq presso l’Hotel Mercure in Viale Eroi di Cefalonia, 301 (Roma-Eur). Gli appassionati potranno trovare dalle uniformi ai distintivi, dai giocattoli di latta ai gagliardetti, dai fregi ai documenti, dagli accessori d’epoca alle fotografie e mezzi militari.

 


Eventi: presentazione dei libri

TORA TORA
Una storia d’amore e d’avventura nell’Italia del “golpe Borghese”

“Il Comandante, inclinando un po’ il busto all’indietro, chiese: «Siamo pronti?». Una densa nuvola di fumo uscì dalla sua bocca, disegnando uno scenario irreale. «Quello che stiamo tentando di fare – aggiunse Borghese – è creare un centro di potere su scala nazionale. Noi ci inseriremo nel vuoto di potere che paralizza l’Italia. La classe politica si è arresa totalmente ai comunisti. Il dilemma è: Roma o Mosca».

Nelle pagine del libro di Pietro Cappellari, sotto forma di romanzo, vengono ripercorsi i giorni più caldi di quella che passò alla storia come l’operazione “Tora Tora”, meglio conosciuta come “Golpe Borghese”. Una vicenda controversa e avvolta nel mistero che a mezzo secolo di distanza continua a far parlare di sé.
Sullo sfondo di un’Italia in fermento – trascinata nelle tensioni della Guerra Fredda – si mescolano le storie d’amore e d’avventura di alcuni giovani ignari dei retroscena e convinti delle proprie idee.

PRESENTAZIONE: sabato 17 settembre ore 11.00-11.30

Scheda tecnica
Titolo: TORA TORA. Una storia d’amore e d’avventura nell’Italia del “golpe Borghese”
Autore: Pietro Cappellari
Editore: Passaggio al Bosco, 2020
Formato: pagg. 226
Prezzo: € 12,00

Acquistalo su
Passaggio al Bosco

 


Il socialismo rivoluzionario di Benito Mussolini 1883-1918

Quest’ultima opera di Roberto Mancini di fatto conclude un ciclo dove l’autore s’impegnato a dimostrare che il fascismo non ha niente a che vedere con il concetto di destra. Si parte dalla domanda che forse qualcuno giudicherà eretica se Mussolini può essere inserito tra le grandi figure del socialismo italiano. Naturalmente sarebbe molto facile rispondere al quesito ripetendo i concetti dello storico Emilio Gentile che divide nettamente in due fasi la vita di Benito Mussolini: il periodo del socialismo che va dalla nascita fino all’espulsione dal partito socialista avvenuta nel novembre 1914, da quello di duce del fascismo. L’opinione di Mancini va invece in una direzione completamente opposta dimostrando una grande continuità tra i due periodi, caratterizzato da un socialismo che supererà il marxismo creando un socialismo nazionale di derivazione mazziniana che aveva le sue origini in Pisacane. D’altronde, allora come oggi, il parlamentarismo sin da quello della cosiddetta italietta di fine XIX secolo, ha sempre costantemente deluso le aspettative degli italiani.
Il fascismo di Mussolini realizzerà il socialismo nazionale nell’unica maniera che era possibile fare in Italia, facendo del lavoro l’unico soggetto dell’economia.

PRESENTAZIONE: sabato 17 settembre ore 12.00-12.30

Scheda tecnica
Titolo: Il socialismo rivoluzionario di Benito Mussolini 1883-1918
Autore: Roberto Mancini
Editore: Libreria Europa, Roma, 2022
Formato: pagg. 438
Prezzo: € 28,00

Acquistalo su
Libreria Europa

 


“Militaria”
17-18 settembre 2022
Hotel Mercure, Viale Eroi di Cefalonia 301 – Roma
Orario: 9-18
Ingresso gratuito
Info. Stefano 333.5474123

 

Related posts