Mario Puccini. “Van Gogh involontario”

Con un anno di ritardo causa pandemia, Livorno ricorda la scomparsa del concittadino con la commemorativa allestita al Museo della Città. Del pittore post impressionista nato a Livorno (1869) e morto a Firenze (1920) non si è mai visto molto. Per questo motivo, in occasione della grande mostra Mario Puccini. “Van Gogh involontario”, si parla delle sue opere come di una “rinnovata scoperta”, e questo soprattutto grazie alla raccolta messa a disposizione dagli eredi di Ugo Rangoni, appassionato amante dell’arte che nel primo Novecento appezzò e acquisì dell’artista numerosi lavori….

Read More